Danno biologico: giù le mani dal risarcimento

Incidente stradale

Abbiamo depositato una mozione parlamentare affinché il Governo ritiri il provvedimento contenente le nuove tabelle per la liquidazione monetaria delle menomazioni all’integrità psico-fisica.

I nuovi criteri porterebbero infatti ad una notevole decurtazione della quantificazione del danno non patrimoniale: fino anche al 60% rispetto a quanto precedentemente fissato – in adeguamento all’aumento del costo della vita secondo indici Istat per il periodo 2011-2013 – nelle cosiddette “tabelle di Milano”, approvate dall’Osservatorio sulla giustizia civile del capoluogo lombardo e definite modello  unico di liquidazione per tutto il territorio nazionale dalla Corte di Cassazione a sezioni unite con sentenza n. 12408 del 2011.

Abbiamo fatto presente al Governo che, qualora venissero applicati i nuovi criteri, verrebbe meno la tutela della salute e del pieno risarcimento del danno per tutti quei pazienti e le vittime di sinistri che abbiano subito gravi menomazioni fisiche e ciò configurerebbe una grave violazione degli articoli 24 e 32 della nostra Costituzione.

Dalla riformulazione al ribasso dei criteri di liquidazione del danno da parte del Governo (Governo a nostro avviso poco «tecnico» ed assai «politico», soprattutto quando si parla di banche e di finanza) emerge con preoccupante chiarezza il tentativo di favorire le lobbies delle Assicurazioni, quelle stesse lobbies che, da sempre, lavorano alacremente assieme ai Governi per vedere tutelate le loro posizioni in spregio dei diritti dei consumatori e dei cittadini.

Per queste ragioni abbiamo intimato all’Esecutivo di tornare sui suoi passi e di orientare la propria attività politica in materia di liquidazione del danno non patrimoniale nella direzione di una imprescindibile omogeneità dell’intero quadro risarcitorio (con riguardo dunque sia alle menomazioni all’integrità psico-fisica di lieve entità sia a quelle comprese tra i 10 e i 100 punti di invalidità), nel rispetto dei criteri fissati dalle tabelle dell’Osservatorio sulla giustizia civile di Milano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...