Aeroporto d’Abruzzo: aumentano i passeggeri, diminuisce la sicurezza

aeroporto

Nell’ambito del piano di razionalizzazione dei presidi territoriali il Ministro dell’Interno è intenzionato a chiudere l’Ufficio di Polizia di Frontiera Aerea e Marittima di Pescara: una scelta unica nel panorama nazionale e senza senso.

Il numero dei passeggeri dell’aeroporto internazionale d’Abruzzo è in costante crescita ed è passato dai 302mila passeggeri del 2003 ai 548mila del 2013. Questo aumento testimonia il forte interesse verso la nostra Regione, ma al Ministro dell’Interno ciò non interessa e con la sua azione sta per rendere vani tutti gli sforzi che abbiamo fatto in questi anni per promuovere le tante bellezze della nostra terra.

La presenza dei presidi di Polizia negli aeroporti internazionali italiani è necessaria per soddisfare i requisiti di sicurezza richiesti da normative europee e nazionali e la mancanza della Polizia di Frontiera all’aeroporto internazionale d’Abruzzo potrebbe comportare il declassamento o la chiusura dello scalo a seguito dei controlli di team ispettivi nazionali ed europei volti ad accertarne l’idoneità degli standard di sicurezza.

Tutto ciò comporterebbe un rischio economico ed occupazionale per tutto l’Abruzzo, per non parlare dei danni al turismo. Alla mancanza dell’aeroporto seguirebbe difatti un inesorabile crollo a picco del numero di turisti stranieri. Sentiamo spesso parlare della necessità di valorizzare il nostro territorio, ma nei fatti il disinteresse del governo è sempre più evidente.

Tra l’altro, paradossalmente, non vi sarebbero significativi risparmi dato che la Polizia di Frontiera è ospitata a titolo gratuito dalla Società SAGA e dalla Capitaneria di Porto e che le autovetture, i mezzi e la strumentazione tecnica sono forniti gratuitamente al Ministero dell’Interno dall’Agenzia Europa per le Frontiere e non sono utilizzabili per altri servizi.

Per tutti questi motivi ho depositato l’interrogazione parlamentare n. 5-02413 indirizzata al Ministro dell’Interno per chiedergli di rivalutare l’opportunità politica ed economica di chiudere l’Ufficio di Polizia di Frontiera Aerea e Marittima di Pescara (leggi testo).

Nel frattempo non rimane che chiederci una cosa: ma il governo dell’inciucio quando taglia, taglia a occhi chiusi solo per poter dire in giro “abbiamo le risorse per le riforme”?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...