Il nuovo processo civile di Orlando: più costoso e più pasticciato

giustizia-aula-tribunale-2

Sta arrivando verso il voto in Commissione il disegno di legge delega, redatto dal Governo, per modificare profondamente il codice di procedura civile.

Vi sono, in verità, alcune previsioni che dovrebbero preoccupare non solo gli operatori del diritto. Bensì, soprattutto, le piccole e medie imprese, incluse tutte le società di persone.

Infatti con la legge delega viene ad allargarsi enormemente il cd. Tribunale delle Imprese, nel quale vengono convogliate molte cause che prima venivano trattate dal Tribunale ordinario.

Perché questo cambiamento? Il Governo parla di specializzazione ma la verità è ben altro: grazie a queste modifiche il Ministero applicherà il raddoppio del Contributo Unificato e, soprattutto, una centralizzazione delle decisioni. Infatti i Tribunali delle Imprese saranno solo 21 in tutta Italia, abbandonando la vicinanza con il territorio. Ergo: cause che costeranno anche di più.

Ma c’è un altro punto molto critico: potranno far parte di tale Tribunale delle figure di cui non si conosce bene il ruolo: i cd. esperti. Già ora, invero, sono presenti i Consulenti tecnici d’ufficio, nominati dal Giudice e pagati dalle parti. Perché inserire questa nuova figura? Nuovi costi all’orizzonte.

Torniamo invece alle modifiche del Giudizio Ordinario.

La volontà del Governo è quella di far rivivere il cd. rito societario, un rito che onerava le parti di scambiarsi le memorie prima del giudizio, arrivando davanti al Giudice dopo molto tempo dall’inizio del procedimento.

Tale rito è stato un tale fallimento a detta di tutti (avvocati, magistrati) che, dopo soli 4 anni, è stato velocemente abolito.

Ed ora il prode Orlando ci riconsegna la polpetta avvelenata.

E’ tutto?

Ebbene no! Altre novità sono di rendere obbligatorio, da parte del Giudice, la prognosi del processo ancora prima di conoscere le prove (sic!) nonché di rendere molto più difficoltosa la possibilità di impugnare una sentenza ritenuta ingiusta.

In pratica la volontà è quella di far diventare il Giudizio di Appello quasi un giudizio di legittimità, senza rendersi conto che già ora, con le modifiche all’atto di impugnazione, gli avvocati devono quasi creare una vera e propria sentenza.

*****

Come ci poniamo noi del Movimento 5 Stelle su tale progetto?

A detta di tutti (avvocati, docenti universitari e magistrati) la gran parte del progetto sarebbe da ritirare (merita forse di rimanere esclusivamente la parte sulla famiglia e sul giudizio di Cassazione).

E’ mia opinione che, sul rito, non molto deve essere modificato. Il vero problema della Giustizia Italiana è la mancanza cronica di risorse umane, magistrati, cancellieri ed ufficiali giudiziari.

Infatti la prima proposta che abbiamo fatto è quella di indire dei concorsi straordinari. Se una giustizia più veloce vale l’1% del Pil, allora noi possiamo investire, per guadagnarci, anche lo 0,8% del Pil, ovvero delle cifre astronomiche.

Poi, verificando che molto arretrato dipende soprattutto dalle Corti d’Appello, ho proposto l’istituzione del Giudice Unico di Corte d’Appello per le cause di valore inferiore a 50.000€. Un modo per almeno dimezzare la durata di tali procedimenti, nonché la modifica della competenza dei giudizi sulla Legge Pinto, portandoli direttamente al Tribunale di primo grado, in modo da essere più vicini al domicilio del ricorrente.

Invece, al fine di velocizzare il giudizio di primo grado si potrebbe incentivare, ad esempio, l’uso del 281quinquies e sexies ma soprattutto un maggiore controllo dei tempi dati soprattutto ai Consulenti Tecnici d’Ufficio (per dire, qualche volta mi sono capitate cause bloccate per due anni a causa di Consulenti che non depositavano la perizia!).

Inoltre, per verificare gli emendamenti che come M5S abbiamo proposto (sono oltre 200), vi invito a leggere il file allegato e ad inviarci i vostri commenti e suggerimenti.

Fascicolo emendamenti commissione

3 pensieri su “Il nuovo processo civile di Orlando: più costoso e più pasticciato

  1. Per una maggiore speditezza dei processi io proporrei, in primis, l’abolizione dei termini ex art.183 che allungano i tempi processuali di molto. L’avvocato all’atto dell’iscrizione dovrà istruire già il processo con documenti e prove; per bilanciare, però, nel caso in cui il convenuto avesse delle eccezioni particolari, il Giudice potrebbe concedere un solo rinvio (magari concedendo termini per note) all’attore solo per rispondere a quelle eccezioni.
    Per seconda cosa, io penso che la lunghezza dei processi dipenda anche dai giudici stessi a causa dei rinvii pluriennali. Perché non imporre dei termini ai giudici come sono imposti agli avvocati? Per esempio, rinvii non oltre 4 mesi, riservate da sciogliere in un mese, e poi prevedere, per forza, delle conseguenza, in caso di inosservanza dei detti termini
    Se ho altri suggerimenti, non mancherò
    Cordiali Saluti

    Mi piace

    • Buongiorno Adolfo, attualmente i processi durano all’incirca e di media 1.200 giorni. Togliere i termini 183 significherebbe recuperare 80 giorni, ovvero una inezia. In realtà sono molto utili i termini 183 perchè possono aiutare nel neutralizzare un errore fatto con gli atti introduttivi. La nostra proposta, proprio per dare più efficacia al processo, è quello di poter differenziare, con scelta delle parti e del giudice, i giorni entro cui bisogna depositare le memorie, piuttosto che i canonici 30+30+20.
      Sui rinvii pluriennali abbiamo proposto come M5S proprio dei termini perentori a carico dei giudici. Perentori che riguardano solo il “disciplinare” dei giudici e non la nullità degli atti. Neanche a dirlo apposta una mia proposto prevedeva proprio il termine perentorio di 4 mesi per un rinvio.
      Mi scusi per il ritardo nel rispondere.

      Mi piace

  2. Pingback: Il nuovo processo civile di Orlando: più costoso e più pasticciato | Offerto da selezione5stelle, scritto dai cittadini Italiani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...